Sono arrivato in centro a Vicenza con cartella e cavalletti attaccati a tracolla camminando da un parcheggio fuori zona, sarà stato un chilometro di facchinaggio. Una volta arrivato al corso mi sono chiesto -Che faccio adesso?- perché nemmeno sapevo di preciso cosa sarei andato a fare.

Per ambientarmi un attimo e proferire parola con la prima persona della giornata decido di andarmi a fare una birra in un bar dove avevo conosciuto il barista per via di un disegnino che gli avevo fatto a tradimento. Loris, così si chiama il barista, mi consiglia di andare in Piazza dei Signori dove si stava tenendo un evento organizzato da Spritz Letterario. Perfetto! Prontamente inserito nella manifestazione ho allestito il banchetto e subito un gruppo di bambini ha dato assalto al “Diario di strada”. Il risultato lo potete vedere 😀

PAG 001

Una volta che i bambini se ne sono andati cambio foglio e cerco di coinvolgere degli adulti, questo è il risultato (fatta eccezione per i tre rettangoli colorati in basso a sinistra). Si nota l’hashtag della manifestazione in cui mi sono imbucato? 😀

PAG 002

In quest’ultimo foglio tolgo i colori e mantengo solo i neri. Scrivo una frase e invito le persone attorno a scrivere il continuato della storia, una trase a testa… con i bambini il paradossale ha il sopravvento, provate a capirci qualcosa di questa storia! (Ah, la seconda frase della storia è “sfama gli animali”)

PAG 003